Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "Maggiori informazioni".

“Si presentarono giorni felici e bui. Fra i familiari gioia e disperazione si torcevano insieme strettamente avvinghiate.”

È una delle tante affermazioni che mi hanno colpito quando ho letto il romanzo vincitore del Premio Strega Giovani 2018 “Questa sera è già domani” di Lia Levi, una donna di grande carisma e testimone diretta delle Leggi razziali, la quale, giorno 26 gennaio 2019, gli allievi e gli insegnanti del “Principi Grimaldi” di Modica hanno avuto il piacere e la possibilità di incontrare.

La signora Lia Levi, in questo suo arduo romanzo, narra la storia del giovane Alessandro, che con la sua famiglia, subisce gli orrori razzisti dettati dalle infami Leggi fasciste del 1938!

Questa giornata è stata animata da noi ragazzi con letture tratte dal suo romanzo, poesie e racconti delle memorie che di certo, specialmente oggi, è doveroso ricordare. Durante l’intervista preparata per l’occasione, la signora ha risposto con risolutezza e dolcezza alle domande che sono state poste da alcuni ragazzi dell’Istituto. Un plauso va anche ai Rappresentanti d’Istituto, i quali con un discorso di presentazione hanno fatto commuovere anche l’autrice che, inoltre, ha espresso il desiderio di ricevere le loro e-mail per non perdere i contatti! L’importanza della memoria, soprattutto in queste giornate, ha fatto si che noi studenti abbiamo potuto esternare i nostri pensieri e le nostre più vive emozioni, ma certamente la cosa più interessante di tutto il progetto è stata quella di poter incontrare e conoscere una donna che con i suoi libri tiene viva la memoria e testimonia ciò che il coraggio e l’amore per la vita può fare!

Giorgio Giallongo - Classe 5AS

Queste foto si riferiscono alle diverse tappe del Treno della Memoria a cui hanno partecipato 29 ragazzi del nostro Istituto. Il viaggio è stato condiviso con gli alunni dell'ITC Archimede e del liceo scientifico di Modica. Il percorso è partito per i nostri ragazzi da Praga.
Nelle immagini il famoso muro di Lennon che rappresenta la rivoluzione di Praga. Questa tappa prevedeva la visita al campo di concentramento di Terezin e alle due fortezze in cui transitano più di 500.000 bambini e artisti poi deportati ad Auschwitz. Il disegno è di uno dei tanti bambini e la foto che precede è l'ingresso della fortezza con la ricostruzione di un ambiente dove loro vivevano. La tappa di Praga si è conclusa con la visita a Lidice un villaggio rimasto tristemente famoso per una rappresaglia dei nazisti in cui persero la vita 32 bambini del villaggio a cui è dedicato un monumento bronzeo molto suggestivo e al posto del villaggio c'è un parco immenso; anche un momento molto intenso che ti porta a sentire vicinissima quella tragedia; è come udire la voce di quei bambini e di un'intera generazione cancellata dall'odio nazista. Altre foto scattate a Cracovia nella fabbrica di Shindler con allievi del liceo classico di Castellammare con i quali abbiamo condiviso la guida. Tra le immagini quella di Oscar Shindler a cavallo. A Cracovia abbiamo visitato il ghetto ebraico con diverse sinagoghe quella fotografata è la più antica. Nell'immagine di copertina l'ingresso di Auschwitz.

Galleria fotografica


Contattaci

Viale degli Oleandri 19
97015 MODICA (IT)
+39 0932.762991
+39 0932.761689

  rgrh020005@istruzione.it

Unisci alla nostra comunità

Registrati per ricevere nostre notizie