Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "Maggiori informazioni".

Notizie

Notizie (61)

Notizie di eventi e di attività riguardanti il nostro Istituto

Gli studenti dell’Istituto Principi Grimaldi di Modica hanno fatto tappa, stavolta, in Belgio per la mobilità relativa al progetto My Granny’s Dishes. Dal 15 al 19 novembre, 7 alunni, accompagnati dai proff. Raffaele Iacono e Marcello Fronte, si sono recati nella città di Geel, paese di circa 40.000 abitanti nella regione delle Fiandre, nel nord del Belgio.

Gli alunni della moderna e splendida scuola “Sint Aloysius Kogeka” hanno ospitato presso le loro famiglie sia i nostri alunni che gli altri partner, provenienti da Serbia, Turchia, Lituania e Croazia. Ciò ha permesso ai partecipanti di conoscere a fondo le abitudini e le tradizioni della gente di Geel.

Le attività relative al progetto, basato sulle tradizioni culinarie delle nostre nonne, sono state svolte sia a scuola, usando i molteplici laboratori e le ampie aule a disposizione, sia all’esterno, con la visita ad un mulino a vento presso il quale si macinava il grano o alla fattoria De Zegge, dove i partecipanti hanno imparato ad intrecciare rami di giunco per costruire ceste. Non sono mancate le visite culturali come quella all’Hospital Museum “St. Dimpna”, ricco di oggetti legati ai tempi passati, all’Abbazia di Westerlo e alla splendida città di Anversa. I ragazzi belgi hanno poi presentato ai partner una simulazione di un tipico matrimonio con balli e canti legati alla tradizione locale. Momento clou della settimana, la cooking competition, nella quale i 6 paesi partner si sono “sfidati” in una gara di cucina presentando un piatto tipico della propria tradizione culinaria; i nostri ragazzi hanno preparato una Pasta alla Norma che è stata particolarmente apprezzata dalla giuria, tanto da risultare primo piatto classificato.

Il tutto si è svolto in totale sicurezza e nel rispetto delle norme anti-Covid in vigore in Belgio; distanziamento sociale e mascherine hanno permesso di trascorrere una serena settimana in uno splendido paese ricco di cultura e tradizioni.

Prossima tappa la Croazia in primavera, per poi andare in Serbia ed infine ospitare a Modica una rappresentanza di studenti e docenti dei 5 paesi partner.

https://www.radiortm.it/2021/11/29/mobilita-in-belgio-per-il-principi-grimaldi-di-modica/

 

L’esperienza Erasmus+ continua per l’IPS “Principi Grimaldi” di Modica. Due studentesse della sede centrale e tre della sede distaccata di Chiaramonte Gulfi hanno appena partecipato alla seconda mobilità in uscita del progetto Erasmus+ “Greener together, Greener to our planet” in Bulgaria, presso la città di Sliven a 300 km circa dalla capitale Sofia.

Dal 31 ottobre al 5 novembre 2021 le cinque studentesse, accompagnate dai docenti proff. Antonio Gurrieri e Marina Tidona, hanno vissuto insieme ad altri studenti dei paesi partner provenienti da Turchia, Romania, Spagna e Bulgaria, un’esperienza formativa entusiasmante e coinvolgente che ha permesso loro di approfondire le tematiche inerenti al progetto. Temi quali la tutela e la salvaguardia dell’ambiente hanno rappresentato il trait d’union delle attività svolte durante la settimana. Sono state effettuate delle passeggiate tra i boschi del parco naturale “Sinite Kamani” nell’area di Karandila, per raccogliere, non solo rifiuti ma anche foglie e ghiande da riutilizzare durante specifiche attività svolte nella scuola ospitante, la “Hadji Mina Pashov” di Sliven. La visita didattica ad una fabbrica di smaltimento e compostaggio di materiale plastico ha permesso di conoscere meglio la realtà locale e la sensibilità del paese ospitante riguardo ai temi del riciclo. Le studentesse hanno altresì partecipato attivamente apportando un loro contributo personale attraverso una ricerca sulla gestione della raccolta differenziata nella città di Modica e in seno alla scuola. Contributo molto apprezzato durante la presentazione collegiale avvenuta nei locali della scuola bulgara e che ha concluso i lavori di questa fase del progetto. I giorni di permanenza e di convivenza tra studenti di lingue e culture diverse hanno permesso loro di comunicare non solo in lingua inglese, lingua di lavoro del progetto Erasmus, ma anche di arricchirsi linguisticamente in un'ottica plurilingue. Per il piacere di far conoscere il proprio idioma all’altro, i ragazzi hanno improvvisato lezioni di lingua spagnola, turca, bulgara, rumena e italiana. Un melting pot linguistico culturale che ha coinvolto emotivamente non solo gli studenti ma anche i docenti accompagnatori, i quali si sono dati appuntamento a gennaio per la prossima tappa della mobilità nella città di Adra, nel sud della Spagna.

La ripresa delle mobilità Erasmus+, che sono il fiore all’occhiello dell’offerta formativa dell’Istituto, infonde speranza e voglia di condivisione da parte dei ragazzi che da troppo tempo ormai sono costretti a vivere una realtà virtuale e sempre più limitante.

https://www.radiortm.it/2021/11/09/erasmus-greener-together-il-grimaldi-di-modica-vola-in-bulgaria/

Continuano le mobilità legate ai progetti Erasmus nei quali è coinvolto l’Istituto “Principi Grimaldi” di Modica.

Dal 16 al 23 ottobre 6 alunni, accompagnati dai docenti Rita Campo e Giovanni Roccasalva, sono stati accolti in Lituania, a Garliava nella scuola Juozas Luksa Gymnasium, per svolgere le attività programmate insieme agli studenti e agli insegnanti degli altri paesi partner coinvolti nel progetto “My Granny’s Dishes” (Belgio, Croazia, Serbia e Turchia).

Entusiasmo, partecipazione, solidarietà, condivisione, rispetto per le diversità, ospitalità sono state le dinamiche caratterizzanti del percorso formativo.

Notevole è stato l’apprezzamento dello stile di vita delle famiglie dove i nostri alunni sono riusciti mirabilmente ad adattarsi nonostante le differenze linguistiche e le diverse abitudini alimentari.
Tra di essi e tra i compagni degli altri paesi si è instaurato uno spirito gioioso di collaborazione, che si è espresso durante i workshops gestiti nei locali della scuola lituana, utilizzando oltre all’inglese quale lingua veicolare, anche le altre lingue dei paesi partecipanti commiste al linguaggio mimico-gestuale.

I ragazzi si sono cimentati nella realizzazione del logo del progetto, nella preparazione di una ricetta tipica di ciascun paese e nella creazione di gadget legati alle tradizioni del paese ospitante.
Grazie a queste iniziative e alle escursioni organizzate a Birstonas, a Druskininkiai e a Kaunas, tutti i partecipanti hanno potuto apprezzare la cultura, i costumi, le abitudini e le tradizioni della Lituania, oltre alle specialità culinarie e agli aspetti naturalistici che contraddistinguono il paesaggio del paese ospitante.

Positivo e costruttivo è stato anche il rapporto instauratosi tra i colleghi, che si sono scambiati idee e opinioni sia sul modus vivendi e sia sull’organizzazione scolastica, si sono confrontati sulle esperienze personali e professionali, predisponendo le aspettative auspicate nelle prossime mobilità in Belgio, Serbia e Croazia.

Il meeting conclusivo del progetto si effettuerà a Modica nel mese di maggio.

Gli stessi alunni che si sono impegnati nella mobilità in Lituania e quelli che saranno coinvolti nelle prossime mobilità attiveranno sin da ora energie e risorse per pianificare un progetto di accoglienza nel nostro istituto e nel nostro territorio ricco di storia, cultura e tradizioni.

https://www.radiortm.it/2021/10/28/mobilita-erasmus-in-lituania-per-listituto-grimaldi-di-modica/

Dopo la lunga sosta forzata di un anno e mezzo a causa del COVID-19, sono finalmente ripartite le mobilità legate ai progetti Erasmus.

Nella settimana dall’11 al 15 ottobre un gruppo di studenti e docenti dell’Istituto “Principi Grimaldi” di Modica ha effettuato una mobilità in Portogallo, assieme ad altri istituti superiori d’Europa, partner del progetto.

Sono 5 i ragazzi del Grimaldi che hanno partecipato al terzo meeting del progetto Erasmus+ “Creating Rescue Teams – Getting Ready for Natural Disasters”, accompagnati dagli insegnanti Raffaele Iacono e Valentina Bontempelli, svoltosi a Vila Nova de Famalicão, una piacevole cittadina di 130 mila abitanti, 42 Km a nord di Porto, famosa per il turismo enogastronomico con le sue cantine di Vinho Verde, ben collegata da autostrade e ferrovia alle altre località portoghesi. Una cittadina molto viva e in fase di grandi ristrutturazioni con tre università, musei, un centro di aggregazione giovanile dotato dei più moderni strumenti di comunicazione e un enorme splendido parco cittadino dove rilassarsi immersi nel silenzio e nel verde a due passi dalla moderna scuola D. Sancho I sede di questo meeting. Con i suoi enormi spazi, laboratori molto attrezzati, palestre interne ed esterne, biblioteca, mensa ed auditorium la scuola ha organizzato una mobilità ricca di eventi e visite, nel pieno rispetto della normativa anti-COVID. Dopo il saluto di benvenuto del sindaco e la visita del municipio, sono iniziate le attività di workshop con la presentazione dei lavori svolti dai vari team partecipanti Romania, Polonia, Turchia, Italia e Portogallo: il primo tenutosi a scuola sui più comuni disastri naturali nei vari paesi, dalle alluvioni in Polonia, ai terremoti in Turchia, alle frane in Romania e alla siccità e le ondate di calore in Italia; il secondo nella sede dell’università CESPU con la simulazione di primo soccorso e massaggio cardiaco in situazioni di emergenza; il successivo nelle acque dell’oceano Atlantico a Matosinhos con una lezione pratica di Surf e la simulazione di salvataggio in mare ed infine nella sede dei vigili del fuoco un workshop dal titolo “How to be a fireman”.

I workshops si sono alternati a visite guidate nella cittadina di Famalicão, oltre alle splendide Braga a Guimarães e infine a Porto, con i suoi ponti sul fiume Douro, cantine del famoso vino liquoroso, chiese, e le tante strade che si arrampicano su per la città. Il momento finale del progetto ha visto infine tutti i team riuniti nella mensa della scuola dove si è svolta la cena internazionale, a base di piatti tipici dei vari paesi, preparati dai ragazzi, seguita da balli e canti in un clima di amicizia rispetto.

Tutte le attività sono state accolte con entusiasmo dai ragazzi che hanno partecipato e socializzato, mettendo in pratica le loro competenze in lingua inglese, lingua ufficiale dei progetti Erasmus e rispondendo bene a quelli che sono gli obiettivi dell’Unione Europea di sviluppo delle abilità comunicative, interpersonali e interculturali.

https://www.radiortm.it/2021/10/21/riprendono-le-attivita-erasmus-per-il-grimaldi-di-modica/

Ai nastri di partenza due attività formative di alto valore formativo e professionalizzante:

- un corso di formazione micologica che consentirà di chiedere il rilascio del patentino per la raccolta dei funghi;

- una giornata dimostrativa sulla potatura dell'olivo con macchine elettriche.

Insegnare con la comunicazione aumentativa alternativa

La CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa) è un insieme di tecniche e strumenti messe in atto per garantire la possibilità di comunicare a persone che manifestano difficoltà ad esprimersi verbalmente.

 

 

Il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) di Ragusa in collaborazione con l’Associazione Italiana Celiachia Sicilia APS (AIC Sicilia Aps) e l’Istituto Professionale di Stato “Principi Grimaldi” - Modica  effettua corsi formativi sulla celiachia, nell'ambito delle attività di formazione e aggiornamento professionale rivolte ad operatori della ristorazione. A queste figure professionali e agli studenti di 5° anno  degli Istituti Alberghieri sono rivolti specifici incontri formativi della durata di ore sei (teoria e pratica con valutazione finale). In esecuzione alla delibera dell’ASP di Ragusa n° 374 del 26/02/2021, sono stati programmati 8 corsi di formazione ed aggiornamento professionale per la preparazione di pasti senza glutine. Chi opera nel campo della ristorazione deve avere competenze specifiche, acquisite seguendo un adeguato percorso di formazione e addestramento su problematiche nutrizionali (celiachia ed allergie alimentari) e rischi sanitari annessi.

SENZA GLUTINE E TERRITORIO

Il corso proposto vuole, anche, favorire la scoperta della gastronomia costituita da piatti semplici e sani, valorizzare i cibi non processati, incoraggiare l’abbandono del cosiddetto cibo spazzatura e aiutare a riscoprire la tradizione di fare per sé e per gli altri piatti semplici e genuini, utilizzando le tante materie prime naturalmente prive di glutine.

A CHI SONO RIVOLTI I CORSI

I corsi di formazione specifica sulla celiachia, sono rivolti  agli studenti del 5° anno degli Istituti alberghieri e agli operatori del settore alimentare appartenenti all’area della ristorazione collettiva (mense scolastiche, ospedaliere, aziendali, ecc.), all’area della ristorazione pubblica (ristoranti, pizzerie, bar, bed & breakfast, alberghi, grande distribuzione, gastronomie, gelaterie, laboratori artigianali, panifici, macellerie, ecc.).

In modo particolare i soggetti interessati sono: il responsabile dell’attività o un suo delegato, il responsabile dell’autocontrollo, il personale addetto allo stoccaggio dei prodotti senza glutine, il personale che trasporta alimenti senza glutine, il personale direttamente coinvolto nelle preparazioni (chef, pizzaiolo, capo cuoco, cuoco, ecc.), il personale direttamente coinvolto nella somministrazione.

OBIETTIVI FORMATIVI:

Il percorso formativo in particolare si propone di:

  • sensibilizzare nei confronti della celiachia i professionisti della ristorazione, incrementando sia le conoscenze teoriche sulla patologia, che gli aspetti pratici nella gestione delle esigenze di un cliente celiaco;
  • contribuire alla crescita personale degli operatori in ambito ristorativo;
  • contribuire alla creazione di nuove professionalità, legate a diversi ambienti di lavoro e al passo con i tempi, per offrire un servizio sempre più attento e sicuro agli utenti celiaci dei loro locali;
  • informare e sensibilizzare gli O.S.A. sui metodi per evitare la contaminazione con glutine nelle cucine e nelle sale dei ristoranti;
  • preparare cuochi, pasticceri, gelatieri, personale di sala ad evitare le contaminazioni da glutine nell’ambiente ristorativo;
  • preparare il personale di ricevimento ad accogliere il cliente celiaco;
  • contribuire alla formazione di esperti sulla celiachia per formare gli O.S.A alla cucina senza glutine;
  • elaborare ricette senza glutine per vivere la celiachia non come rinuncia ma opportunità di riscoprire le eccellenze gastronomiche naturalmente gluten free del nostro territorio.

 

PROGRAMMA

La parte teorica del corso prevede la trattazione dei seguenti argomenti:

-nozioni di base sulla malattia celiaca: epidemiologia, eziologia, patogenesi, clinica, terapia, incidenza nella popolazione attuale, rischio connesso alla dieta non corretta;

- caratteristiche degli alimenti naturalmente o artificialmente privi di glutine;

- modalità di prevenzione della contaminazione da glutine degli alimenti durante le varie fasi del ciclo produttivo: organizzazione del layout di cucina, il layout produttivo, tecniche e norme igieniche di preparazione e somministrazione del pasto senza glutine, stoccaggio delle derrate, sanificazione degli utensili e dei locali;

-piano di autocontrollo (HACCP): modalità di controllo del rischio glutine (procedure e azioni di monitoraggio e verifica).

 

La parte pratica del corso prevede la condivisione di comportamenti adeguati nella preparazione, nella manipolazione e nella somministrazione di alimenti senza glutine attraverso il supporto di uno chef qualificato e la eventuale visione di video in cui vengono illustrati metodologie sicure per la manipolazione dei prodotti senza glutine.

 

Il corso teorico-pratico della durata di 6 ore secondo calendario è offerto gratuitamente.

È previsto un questionario di verifica dell’apprendimento e il rilascio di un Attestato di partecipazione da parte del SIAN.

I relatori sono: Dirigenti Medici del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’ASP di Ragusa, Operatori ASP e AIC Sicilia Aps.

Perché rispettare la stagionalità dei prodotti fa bene alla nostra salute e all’ambiente.

Vi presentiamo il calendario 2021 realizzato dagli alunni della 4DE come prodotto finale di un compito di realtà progettato nell’ambito di un’Uda interdisciplinare dal titolo “La stagionalità in cucina”. Nel rispetto della natura e dei prodotti che essa ci offre in ogni stagione, gli alunni della classe hanno dato spazio alla loro creatività presentando una ricetta per ogni mese e proponendo, al contempo, una ricca varietà di primi, secondi e dolci in cui si va dal piatto semplice della nonna con le verdure di stagione al piatto più ricercato frutto della combinazione di sapori diversi e contrastanti, al piatto della tradizione tunisina. Come anche previsto da Agenda 2030, il concetto di stagionalità non riguarda solo la cucina ma investe diversi aspetti dell’esistenza umana. Rispettando la stagionalità si determina quell'equilibrio perfetto che troviamo fra la natura e l'uomo, si rispetta l'ambiente e di conseguenza si contribuisce a ridurre l’impatto ambientale.

Vi invitiamo a visionare il calendario e, perché no, a sperimentare una delle ricette, ricordandovi di abbinare il vino giusto.

E poiché vogliamo che i nostri prodotti vengano conosciuti anche all’estero, trovate la versione in lingua francese e in lingua inglese.

 

Anche per quest’anno Eduscopio, servizio promosso dalla Fondazione Agnelli per misurare la qualità degli istituti scolastici secondari attraverso specifici parametri, analizzando varie eccellenze scolastiche regionali, ha individuato nel “Principi Grimaldi” di Modica, con sede distaccata a Chiaramonte Gulfi, come il primo istituto siciliano per il rapporto fra diplomati e nuovi occupati. La buona notizia si “festeggia” con l’avvio di altri quattro nuovi indirizzi scolastici che si aggiungono ad alberghiero, agrario e ottico. Infatti, grazie al via libera arrivato dall’Assessorato Regionale all’Istruzione e Formazione Professionale a partire dall’anno scolastico 2021-2022 saranno attivati quattro percorsi formativi che andranno a rafforzare l’offerta dell’istituto. Si tratta dell’indirizzo di manutenzione ed assistenza tecnica, dell’istituzione dell’educandato femminile (iscrizioni entro il mese di gennaio) e di altri due indirizzi serali. Il primo riguarda il percorso di secondo livello per i servizi per l’agricoltura, lo sviluppo rurale e la silvicoltura, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane. Il secondo percorso serale riguarda invece l’indirizzo enogastronomia e ospitalità alberghiera.

L’indirizzo “Manutenzione ed assistenza tecnica” (maggiori info) si inserisce nel quadro di recenti statistiche che rilevano come elettricisti, idraulici, termotecnici, periti elettronici ed elettrotecnici siano sempre più rari e ricercati in Italia, tanto che risulta difficile coprire un posto su quattro e ciò, nonostante, risulti facile trovare un’occupazione con retribuzioni del tutto soddisfacenti. Queste professioni sono, quindi, in grado di garantire ai giovani sbocchi lavorativi sicuri e un alto grado di imprenditorialità. È ben noto che nel settore manifatturiero le soluzioni di domani dovranno essere necessariamente di tipo olistico e che le professioni svolte dal diplomato dell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica” sono principalmente quelle di manutentore meccanico ed elettromeccanico, tecnico di produzione, montatore, installatore, tecnico di assistenza post-vendita, tecnico per il miglioramento impianti e, quindi, perfettamente congruenti con le figure di cui si rileva la carenza. Appare, quindi, del tutto evidente che l’attivazione di tale indirizzo sia più che motivata. Infatti, le competenze tecnico-professionali del futuro diplomato sono riferite alle filiere di settori produttivi trainanti (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica ed altri) e verranno specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio.

Nasce, inoltre, una nuova opportunità. Infatti, il convitto annesso all’Istituto “Principi Grimaldi” si arricchisce dell’Educandato che accoglierà le giovani ragazze provenienti da tutta la provincia e dai territori ad essa limitrofi e che vorranno frequentare sia i corsi dell’istituto stesso che i corsi proposti da ogni scuola superiore della città, garantendo così la piena attuazione del diritto allo studio e alla libera scelta di seguire le proprie inclinazioni naturali. La prof. Lina Poidimani, responsabile del Convitto “Principi Grimaldi” indica con chiarezza quali possibilità implica la scelta di avvalersi dei servizi convittuali. Fra queste ricorda:

  • Crescere sperimentando la convivenza democratica, il dialogo, la cultura.
  • Studiare e formarsi in un sistema basato su aspetti educativo-didattici e socio-affettivi che contribuiscono ad un armonioso sviluppo della personalità.
  • Sperimentare la propria capacità di vivere in autonomia confrontandosi con gli altri.
  • Sviluppare la consapevolezza di sé nel rispetto degli altri.

I due corsi serali, servizi per l’Agricoltura e servizi enogastronomici, unici in tutta l’area iblea, sono rivolti a chi, da 16 anni in su, vuole darsi una nuova chance formativa. L’intero percorso sarà suddiviso in tre periodi didattici:

  • 1° periodo didattico, comprendente le classi prima e seconda;
  • 2° periodo didattico, comprendente le classi terza e quarta;
  • 3° periodo didattico, comprendente la classe quinta.

Dal prossimo anno scolastico sarà attivo il primo percorso didattico. Ad esso potranno accedere quanti, muniti di licenza media o di titolo straniero equipollente, hanno voglia di reinserirsi nel mondo formativo. In modo particolare, potranno usufruirne le decine di giovani drop out che, per vari motivi, hanno interrotto prematuramente il loro percorso scolastico senza riuscire ad ottenere il diploma o, peggio ancora, la qualifica professionale del terzo anno. I corsi attivati dànno anche la possibilità a stranieri immigrati di meglio integrarsi nella società, apprendendo la nostra lingua e le principali lingue comunitarie e di costruirsi un più gratificante futuro lavorativo. Infine, ci si rivolge anche agli adulti per i quali l’ottenimento di un titolo di studio o di un’ambita qualifica professionale rappresenta l’unica possibilità per migliorare la propria posizione in ambito lavorativo o professionale.

“Un’offerta formativa ancora più ampia per il nostro istituto – spiega Bartolomeo Saitta, dirigente scolastico del Principi Grimaldi – Grazie all’ampliamento autorizzato dall’Assessore Lagalla saremo in grado di incrementare ulteriormente la già nota appetibilità dei nostri corsi scolastici e di differenziare l’offerta formativa dell’Istituto. La nostra storica tradizione nel campo dell’istruzione professionale, che risale ai Grimaldi ed è vicina a festeggiare il 70° compleanno, ed il forte radicamento sul territorio sono sicuramente i fattori del successo che si rinnova di anno in anno. I due sono serali attivati dànno nuove prospettive a quanti sono impossibilitati a frequentare di giorno, a chi aspira ad un miglioramento della propria posizione sociale e lavorativa, a chi vuole riqualificarsi professionalmente e, quindi, in definitiva di investire sulla propria formazione per trovare la giusta collocazione sul mercato del lavoro, ben pronto, come certifica lo studio della Fondazione Agnelli, ad accogliere i nostri studenti”.

Oggi la più grande sfida dell’istituto Principi Grimaldi è quella di garantire a tutti una didattica universale, capace di valorizzare il talento di ogni alunno, per favorire le motivazioni per l’apprendimento. “Tra l’altro con la nascita dell’educandato femminile – aggiunge il vicepreside Orazio Licitra – saremo in grado di dare rendere disponibile alle giovani ragazze del sud est siciliano l’offerta formativa dispiegata, oltre che dal Principi Grimaldi, anche dagli istituti viciniori (come nel caso degli indirizzi coreutico e musicale del Verga). Per quanto riguarda i due indirizzi serali va sottolineato che saremo l’unico istituto in provincia di Ragusa ad offrire questa ulteriore possibilità per quanti non possono frequentare negli orari diurni ma che vogliono ugualmente formarsi in una scuola d’eccellenza”.

Una scuola, insomma, che sia sempre più collegata al territorio e al mondo del lavoro, che pone le basi affinché ciascun studente possa costruirsi un solido futuro.

Contattaci

Viale degli Oleandri 19
97015 MODICA (IT)
+39 0932.762991
+39 0932.761689

  rgrh020005@istruzione.it

Unisci alla nostra comunità

Registrati per ricevere nostre notizie