Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su "Maggiori informazioni".

Formidabile successo del "Principi Grimaldi" al V Concorso Nazionale per Istituti Alberghieri indetto dai Caroli Hotels svoltosi a Gallipoli dal 13 al 16 marzo. Su 25 Istituti Alberghieri provenienti da tutta Italia, l'alunna Alice Manusia della 4CS della Sezione di Chiaramonte Gulfi (accompagnata dai Proff. Giovanni Occhipinti e Rita Pisano) si è classificata PRIMA nella sezione Sala, Matteo Catalano della 5EE della sede di Chiaramonte (accompagnato dal Prof. Giovanni Brullo) si è piazzato al SECONDO posto della sezione Cucina e Aleksandra Romila della 5AT della Sede di Modica (accompagnata dalla Prof. Maria Cipriano) si è aggiudicata il SECONDO posto della Sezione Accoglienza turistica.

Studenti e docenti del Treno della Memoria 2019

“Uno spirito forte, un cuore tenero” è il motto che ha orientato la 15ª edizione del percorso formativo “Il treno della memoria 2019”, un viaggio che numerosi studenti delle classi terminali delle superiori di Modica hanno affrontato con uno spirito davvero unico, consapevoli di vivere un’esperienza certamente indimenticabile e assai vigorosa. Gli studenti e i docenti accompagnatori che hanno partecipato al viaggio hanno vissuto un’esperienza collettiva unica, che fa sicuramente acquisire gradualmente la coscienza del “saper vivere” in comunione, nel rispetto del Tempo e dei Tempi altrui, con la straordinaria valenza umana e civile che ne consegue!

Personalmente posso veramente affermare che ho scorto nei miei ragazzi, e non solo, un vero mutamento, ho potuto distinguere in ognuno di loro quell’onda libera della riflessione critica che degli occhi vigili e delle menti aperte dovrebbero sempre avere.

Abbiamo compreso tutti quanti che questo percorso ti aiuta a ritrovare contatto con te stesso, con quella parte di noi che purtroppo la frenesia della quotidianità spesso ci obbliga a trascurare. Le ore di viaggio, il distacco con il tuo quotidiano, e la stretta convivenza con i tuoi compagni, la condivisione improvvisa di spazi e agi spesso limitati, ti induce alla riflessione, allo scavo interiore, inizi a porti molte domande su te stesso e sull’altro, si ritorna gradualmente a comprendere quanto siano importanti i contatti concreti e diretti col prossimo, quasi come se si recuperasse quell’istinto primordiale di ricerca fisica dell’altro, assolutamente avulsa da quel mondo virtuale che oggi invece ci allontana nettamente da questo antico bisogno primario. Nei giorni iniziali spesso si percepisce tensione all’interno di ogni gruppo viaggiante, che ancora deve acquisire quell’identità di comunità che condivide un’esperienza molto forte.

Nel corso delle giornate, ogni tappa, ogni esperienza e ogni momento condiviso, mettono a nudo ciò che siamo davvero, quelle domande che ci siamo posti inizialmente cominciano ad intravedere delle risposte… Ma è solo alla fine del percorso che si comprende il vero valore e lo spirito del Treno, gli ultimi giorni sono molto intensi sia per ciò che si affronta, sia per quelle emozioni che come una marea inondano l’anima lentamente… I nostri ragazzi hanno vissuto concretamente questo percorso conoscitivo, durante l’assemblea plenaria in cui si condivide tanto con tutti gli altri gruppi provenienti da molte regioni del paese, hanno magistralmente saputo spiegare ciò che hanno provato, e hanno compreso che ciò che il Treno vuole trasmettere non riguarda solo la Memoria di ciò che fu, ma in realtà è un percorso formativo che ci induce a riflettere sul nostro presente per edificare un futuro più consapevole…

Il treno orienta i giovani, e non solo, ad una scelta di vita, quella Scelta che li contraddistinguerà per sempre come Uomini e Donne Costruttori di Pace e solidarietà, persone concrete che sanno distinguersi dalla massa omologante e assumersi la responsabilità delle proprie scelte. Donne e Uomini che hanno compreso anche grazie a questa esperienza l’importanza dell’altro che rende la vita un dono prezioso da condividere e da rispettare!

Graziana Iurato

Letto 69 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Marzo 2019 08:44

Contattaci

Viale degli Oleandri 19
97015 MODICA (IT)
+39 0932.762991
+39 0932.761689

  rgrh020005@istruzione.it

Unisci alla nostra comunità

Registrati per ricevere nostre notizie